Menu

Attività svolte

Il Premio Letterario Nazionale Nicola Zingarelli, che si avvale del patrocinio di Enti e Associazioni vicini alla crescita culturale, ha in obiettivo l’incentivazione della cultura attraverso un concorso letterario per poeti e scrittori che hanno valenza letteraria. Per ottenere i risultati che portino i giovani all’interesse verso la lettura, allontanandoli dall’inedia, sin dalle prime edizioni il premio Zingarelli ha posto in atto un itinerario culturale. L’itinerario iniziato con le “Parole nella Scrittura” e con le “Parole nell’Arte” prosegue scegliendo per ogni edizione il tema più consono. La “scrittura per vivere l’emozioni” si esplica proponendo un bando nel quale si esprimono le sezioni del Concorso Letterario Nazionale per “Poesia Inedita” e “Narrativa Edita”. Altre sezioni sono state aggiunte nel corso delle edizioni soprattutto per legare alla scrittura e alla poesia quelle arti che attraverso le opere raggiungono l’armonia. Alle scuole viene dedicata una sezione per la poesia e la composizione di racconti. La nomina di una giuria di livello nazionale rappresenta un punto di forza del Premio Zingarelli. La giuria composta da docenti, letterati e vincitori delle precedenti edizioni residenti in diverse località del territorio nazionale esprime giudizi omogeneizzando i risultati e indicando le tendenze del mondo letterario. Il presidente di giuria è identificato di volta in volta in personaggi di rilievo in ambito letterario nazionale (nelle passate edizioni: Roberto Cipriani, Francesco Sabatini, Nicoletta Maraschio, Vittorio Coletti, Claudio Marazzini, Giovanna Frosini, Paolo D’Achille). La raccolta dei lavori partecipanti al concorso avviene in un unico punto, identificato con la sede del Presidente del Premio, il quale provvede, con l’ausilio della segreteria, all’invio degli elaborati (ricevuti su supporto mediatico) ai giurati, ognuno dei quali esprime un giudizio in modo autonomo. E’ prevista anche la iscrizione alla sezione speciale “Non omnia possumus omnes” (“Non tutti possiamo tutto”) riguardante personalità che si sono distinte, nell’anno  per particolari opere dell’ingegno, per studi scientifici di notevole prestigio, per opere di forte impegno morale ed educativo, per un particolare impegno nel sociale o per il sostegno alla giustizia pubblica e al rispetto della legalità o a personaggi dello spettacolo come premio alla carriera o come premio per una particolare interpretazione. Ai vincitori delle sezioni ordinarie viene consegnato il simbolo del premio Zingarelli (Spiga di grano in argento montata su piedistallo e supporto in legno di ulivo), opera di artigiani locali, alcuni volumi e una pergamena con la motivazione dell’opera premiata.

Ai premiati per la sezione speciale “Non omnia possumus omnes” viene consegnato il simbolo del premio Zingarelli e una pergamena con la motivazione del riconoscimento. La scelta della spiga quale simbolo del Premio Zingarelli è dovuta al significato allegorico ad essa applicato; così come, infatti i chicchi della spiga, frutto di uno dei prodotti del territorio di Capitanata, sono cibo per lumanità, analogamente i vocaboli del vocabolario della lingua italiana voluto e scritto da Nicola Zingarelli sfamano il desiderio di cultura.  La serata di premiazione viene preceduta da un convegno a tema con interventi “Lectio magistralis” di relatori del panorama letterario nazionale dell’Accademia della Crusca in onore al filologo e dantista Nicola Zingarelli che ne fece parte.

Alcuni dati

25 enti patrocinanti

1400 domande di candidati
sezione "Narrativa Edita"

1800 domande di candidati
sezione "Poesia Inedita"

Partecipanti da tutta Italia

40 studenti premiati nelle varie sezioni

70 finalisti premiati nelle sezioni di Narrativa e Poesia

30 premiati speciali "Non omnia possumus omnes" e 6 premiati "Lectio Magistralis a tema"

500 studenti coinvolti nell'ascolto delle Lectio Magistralis

1500 partecipanti alla Lectio Magistralis

5000 e oltre partecipanti alla serata di premiazione in tutte le edizioni

Breve storia del premio

L’Assessore alla Cultura Rossella Rinaldi Terenzio nella pubblicazione “Nicola Zingarelli Umanità e Scrittura” (Atti del Convegno di studi svoltosi a Cerignola nei giorni 29 e 30 marzo 1996 a cura di Carmen Di Donna Prencipe per Mario ADDA Editore voluta in occasione del 60° anniversario della scomparsa dell’illustre concittadino) comunica che la data di pubblicazione coincide con la “conclusione della prima edizione del Premio Internazionale Zingarelli per la Filologia e la Critica dantesca” e aggiunge: il cerignolano, me lo auguro, saprà ritrovarvi l’orgoglio di essere l’erede di una tradizione degna di interesse e di studio. L’assessore chiude la prefazione con i ringraziamenti alla curatrice del “progetto Zingarelli” Carmen Di Donna Prencipe che tra l’altro ha curato e ideato il premio citato.

I cambiamenti e i dissesti economici alla pubblica amministrazione e ancor peggio le assenze forzate alla vita di alcuni protagonisti, hanno bloccato per un certo periodo qualsiasi prosieguo agli auspici formulati. Occorre attendere il 2008 per verificare una ripresa per un agone culturale. La testata giornalistica “Cerignola Città” promuove in collaborazione con “Edizioni il Castello” il premio letterario “Orizzonti dell’anima” Città di Cerignola dedicato a Nicola Zingarelli. La partecipazione numerosa seppure a maggioranza locale e provinciale di poeti e scrittori in erba, diventa lievito per gli appassionati organizzatori che anche in assenza di fondi, ma con forte vocazione alla divulgazione culturale in una città pregna di talenti da riscoprire, riorganizzano il Premio Letterario. Dal presidente dell'associazione LiberaMente e da Luca Galliano sorge l'idea del premio letterario dedicato a Nicola Zingarelli a lui intitolato in maniera definitiva e promuovendolo a livello Nazionale. Nasce il Premio Letterario Nazionale Nicola Zingarelli per le sezioni che più si avvicinano alla identità culturale degli italiani.

Sezioni di Narrativa Edita e Poesia Inedita sono le fondamenta sulle quali e con le quali si costruiscono le edizioni che di anno in anno sono collegate alle arti figurative, al teatro e alla musica. La seconda e terza edizione vedono l’impegno e la dedizione di Luca Galliano che in prima persona presenta le serate di premiazione. La quarta edizione è organizzata con Antonio Daddario che, nominato presidente, ne è responsabile sino ad oggi. Il Premio Letterario assume una sua identità regionale e nazionale.

Si ringrazia

Città di Cerignola
Diocesi di Cerignola - Ascoli Satriano
Accademia della Crusca
Università degli Studi di Bari
"Aldo Moro"
Associazione Artistico Culturale Motus
Associazione Culturale LiberaMente
Circolo di Cerignola
Pro Loco Cerignola
GAL Piana del Tavoliere
Zanichelli editore S.p.A
BiBlyos - La Bottega Della Cultura

Invia un messaggio

Accetto l'informativa per l'uso e il trattamento dei dati personali

Contattaci

Se hai un dubbio, o vuoi richiedere maggiori informazioni,
siamo a tua disposizione per fornirti tutti i chiarimenti necessari.